Feed RSS

Cambiamenti climatici: emissioni di CO2 ed impronta ecologica

Inserito il

La concentrazione atmosferica di CO2 ha recentemente superato le 400ppm (parti per milione).

Premetto che, non essendo un esperto di clima, le mie conoscenze in materia sono sicuramente limitate. Tuttavia il risparmio energetico e la sostenibilità ambientale sono temi che mi stanno a cuore, per questo vorrei focalizzare l’attenzione su questi problemi di interesse comune.

La notizia del raggiungimento della soglia di 400ppm di CO2 atmosferica (valore rilevato sul vulcano Mauna Loa nelle Hawaii) fa suonare un campanello d’allarme senza precedenti. Come riportato da Greenpeace, tale valore corrisponde al punto più alto mai raggiunto dalla comparsa dell’Uomo sulla Terra. L’unico momento nella storia del nostro pianeta in cui sono stati raggiunti simili livelli di anidride carbonica risale a più di 3 milioni di anni fa, quando la temperatura ai poli era di 10˚C più elevata rispetto ad oggi e la superficie ghiacciata era assai ridotta.

Il dato più preoccupante, però, è che questo valore è in crescita rapida e continua e, continuando con questa tendenza, raggiungerà le 1000ppm nei prossimi 100 anni.

Relazione tra attività antropica e CO2 atmosferica. Da http://www.greenpeace.org

La relazione tra cambiamenti climatici e attitivà antropica è oramai un fatto certo e assodato. Tuttavia, come riportato da Scientific American e da Le Scienze, non manca anche in questo campo una corrente negazionista le cui teorie, che rifiutano le evidenze dei dati scientifici, si accompagnano ad una fiducia incondizionata nel liberismo economico e, spesso, assumono sfumature di natura complottista.

Per questo motivo è necessaria una corretta informazione sul tema dei cambiamenti climatici che concorra a sensibilizzare il maggior numero di persone possibile. Personalmente, pur riconoscendo alcuni vantaggi derivati dal tipo di società in cui vivamo, condanno con forza il consumismo sfrenato e gli sprechi tipici di una società capitalista fondata su falsi valori come il possesso di beni materiali superflui.

Ciascuno di noi nel proprio piccolo può fare molto. Basta spostare la propria scala di valori dal consumo verso la sostenibilità. Ciascuno di noi porta con sè la propria impronta ecologica e qui potete provare a calcolare la vostra. Io ho totalizzato un punteggio di 0.5 pianeti ovvero un terzo rispetto al punteggio medio mondiale di 1.5 pianeti (l’applicazione si trova sul sito di WWF-Svizzera, quindi le domande sulle spese sono espresse in Franchi Svizzeri, 1000 Franchi sono più o meno 800 euro).

Chiudo con una buona notizia: come riportato da OggiScienza sembra che l’Italia sia sulla buona strada per il raggiungimento degli obiettivi di Kyoto, con una buona riduzione percentuale delle emissioni di gas climalteranti.

[Se volete rimanere aggiornati non dimenticate di mettere un bel “mi piace” sulla PAGINA FACEBOOK!]

Annunci

Informazioni su dariomelgari

Sono un biologo biomedico laureato presso l'Universita' degli Studi di Milano. Attualmente sono un PhD student presso la University of Bristol dove studio l'attivita' elettrica del cuore e le molecole che la modulano.

Una risposta »

  1. difficile trovare persone competenti su questo argomento, ma sembra che voi sappiate di cosa state parlando! Grazie

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: