Feed RSS

Archivi tag: adattamento

Cosa sono le farfalle nello stomaco?

Inserito il

A volte basta sentire la voce della persona amata per stimolare quelle tipiche fluttuazioni del ventre. Innamorarsi significa avere le farfalle nello stomaco.

Un’immagine molto romantica che spero di non rovinare raccontandovi la fisiologia alla base di questa sensazione.

Le cosiddette “farfalle nello stomaco” sono una sensazione fisica tipicamente associata a momenti di forte stress emotivo come, appunto, la vista della persona amata. Ma non solo. Anche i minuti prima di un discorso in pubblico o l’attesa prima di un esame possono stimolare questa reazione.

Ma cosa sono le farfalle nello stomaco?

Come nel caso di gran parte delle reazioni non controllabili del nostro corpo, anche per questo fenomeno la risposta va cercata nel sistema nervoso autonomo, ovvero quella parte del sistema nervoso che regola le funzioni fisiologiche non volontarie (ad esempio la dilatazione o contrazione dei vasi sanguigni).

In particolare, le farfalle nello stomaco sono una conseguenza dell’attivazione di quella branca del sistema nervoso autonomo chiamata simpatico, responsbile del riflesso “attacca o fuggi” (fight-or-flight).

La risposta fight-or-flight rappresenta con ogni probabilità un residuo dei nostri tratti ancestrali. I corpi dei nostri antenati dovevano essere pronti al combattimento o alla fuga nel caso si fossero trovati a fronteggiare un animale preistorico inferocito. In una simile situazione di pericolo immediato le ghiandole surrenali, stimolate dall’ipotalamo tramite la ghiandola pituitaria, liberano nel circolo sanguigno i neurotrasmettitori adrenalina e noradrenalina.

Per questo in una situazione di forte stress il battito cardiaco accelera, i bronchi si dilatano facilitando la respirazione e i muscoli si irrigidiscono pronti all’azione.

Tra le reazioni fisiologiche associate alla risposta fight-or-flight troviamo anche lo spostamento del flusso sanguigno (e quindi di ossigeno) dagli organi non necessari al combattimento o alla fuga (come lo stomaco) ai muscoli motori e agli organi vitali. Ed è proprio questo minore apporto di sangue allo stomaco che provoca la sensazione di avere uno sciame di farfalle nel tratto digerente.

Questa repentina interruzione della digestione, inoltre, può provocare un senso di nausea, anch’esso assocciato a forti emozioni (mai sentito lo stimolo di vomitare prima o dopo un importante colloquio o esame?).

Un’altra sensazione dovuta al riflesso fight-or-flight è il cosiddetto nodo alla gola o magone, quel peso nella gola che proviamo mentre stiamo per piangere e che ci impedisce di deglutire correttamente. Anche in questo caso si tratta di una reazione funzionale ad un’azione di attacco o di fuga repentina. Il sistema nervoso autonomo, infatti, mantiene aperta l’epiglottide (il lembo di cartilagine che sigilla le vie aeree mentre ingoiamo del cibo, impedendo il soffocamento) per favorire la respirazione, ma bloccando contemporaneamente la deglutizione.

In conclusione, quello che un tempo è stato un riflesso fondamentale per sopravvivere oggi è un sintomo fisiologico delle nostre emozioni, con un tocco di romanticismo.

[Se questo post ti è piaciuto e vuoi rimanere aggiornato/a non dimenticare di mettere mi piace” sulla PAGINA FACEBOOK!]

L’evoluzione delle idee: il concetto di meme.

Inserito il

Personalmente considero “Il Gene Egoista” di Sir Richard Dawkins una pietra miliare ed una lettura fondamentale sia dal punto di vista scienfitico che filosofico. Per queste ragioni l’ho utilizzato in passato e lo utilizzerò ancora in futuro come fonte di nozioni e d’ispirazione per i alcuni dei miei post.

Dawkins è uno dei maggiori esponenti del neo-darwinismo e padre di un concetto estremamente potente: il meme.

Purtroppo il significato originale della parola, coniata dallo stesso Dawkins, è stato leggermente travisato e decontestualizzato, tanto che oggi questo neologismo è utilizzato per indicare immagini, personaggi  o brevi filmati che raggiungono una diffusione “virale” attraverso i social network.

Il termine è oramai fortemente associato al contesto non-sense dell’umorismo della Rete. Un fenomeno sociale talmente ampio da spingere Dawkins stesso a prestarsi ad un parallelismo tra la sua iniziale definizione di meme e l’attuale contesto nel quale la parole viene utilizzata. Di seguito potete vedere la “Memes Vs Genes song” introdotta da Dawkins in persona:

Ma, scherzi a parte, il concetto di meme è alla base di una teoria fondamentale: la teoria dell’evoluzione della mente umana.

Ma andiamo con ordine.

Ne “Il Gene Egoista” Dawkins si chiede in quale modo un astronauta atterrato su un pianeta sconosciuto potrebbe riconoscere una vita aliena, completamente differente dalla nostra. In sostanza, quali sono gli attributi fondamentali e universali (se esistono) che definiscono la vita?

A questo punto dovremmo ovviamente aprire una parentesi gigantesca e credo sia meglio tenere la definizione di vivente per un prossimo post.

In ogni modo, Dawkins sostiene che la vita, qualsiasi tipo di vita, debba possedere una caratteristica fondamentale, ovvero basarsi su

“l’evoluzione attraverso la sopravvivenza differenziale di entità che si replicano”

In parole povere entità individuali che si replicano e si evolvono sotto la spinta della selezione naturale.

Sul nostro pianeta questa caratteristica è propria della molecola di DNA e dei geni che di DNA sono fatti.

I geni sono i replicatori che si sono sviluppati sulla Terra. Essi creano copie di se stessi e, se adatti a vincere la sfida della selezione naturale, si diffondono nella popolazione, sopravvivono e si tramandano nel corso delle generazioni.

Rappresentazione artistica di un gene all’interno di un cromosoma.

La vita su un pianeta alieno, però, potrebbe essere basata su un altro tipo di replicatori, completamente differenti dai geni.

Tuttavia, secondo Dawkins, non c’è bisogno di andare su un altro pianeta per trovare un replicatore diverso dai geni. Senza doversi spingere nello spazio interstellare, infatti, un nuovo replicatore sembra essere nato sul nostro pianeta e, più precisamente, all’interno nella nostra testa.

Tale replicatore sarebbe nato dalla brodo primordiale rappresentato dalla cultura umana ed è, appunto, il meme. Il termine deriva dalla contrazione del termine in Greco Antico “mimeme” inteso come qualcosa che imita.

Il meme, secondo la teoria di Dawkins, sarebbe dunque l’unità replicante dell’evoluzione culturale umana. Un meme può essere una melodia, un’idea, una frase, una moda, una tecnica di costruzione.

In poche parole il meme è un’unità di trasmissione culturale che permette alla cultura umana di evolversi e tramandarsi di cervello in cervello, di generazione in generazione.

Il meme di Dio è uno dei migliori esempi di meme riportati ne “Il Gene Egoista”. L’idea di Dio è nata più volte in modo indipendente in differenti popolazioni in tutto il pianeta. Dio, nient’altro che un’invenzione umana, è un meme di grande successo che si è tramandato di generazione in generazione grazie alle dottrine religiose, all’arte e alla filosofia.

Così come i geni si tramandano e si diffondono all’interno del pool genico così i memi si tramandano e si diffondono all’interno del pool memico. Un’idea o una melodia in grado di far presa sarà destinata a diffondersi tra la popolazione, saltando di cervello in cervello grazie all’imitazione e contribuendo al progresso della cultura umana.

Come i geni anche i memi subiscono una pressione selettiva e, sempre come i geni, possono mutarsi e adattarsi con l’unico scopo di sopravvivere.

Il parallelismo tra l’evoluzione culturale e l’evoluzione genetica non è un concetto nuovo e Dawkins non è il primo ad averne parlato. Tuttavia il concetto di meme è altamente rivoluzionario perché introduce un nuovo replicatore indipendente all’interno della lotta per la sopravvivenza.

È vero che i memi nascono da un cervello che è il prodotto di una selezione di geni, ma questo non implica che i primi debbano essere asserviti ai secondi.

I memi, in quanto replicatori fondamentali, sono indipendenti dal sistema che li ha preceduti e, anzi, possono soprassederlo con forza.

La selezione naturale dei geni e l’evoluzione genetica sono infatti processi estremamenti lenti, mentre l’evoluzione culturale attraverso la selezione dei memi procede a velocità folli.

Un’idea può diffondersi rapidamente e può mutare e migliorarsi in modo altrettanto rapido ed efficiente. Probabilmente con un’efficienza superiore a quella dei geni stessi. Come ci ricorda Dawkins nel suo libro i geni di Socrate e Leonardo sono con ogni probabilità andati perduti per sempre, ma i loro memi, le loro idee, vanno ancora molto forte!

Per citare “V for Vendetta”:

 “Le idee sono a prova di proiettile…”

Le idee sono a prova di proiettile. Fotogrammi tratti dall’adattamento cinematografico di “V For Vendetta” di Alan Moore.

In ogni caso, all’interno contesto della teoria di Dawkins i geni egoisti “pensano” solamente alla propria sopravvivenza, aldilà dell’individuo che li ospita.

Nella teoria del gene egoista gli individui viventi sono macchine che i geni utilizzano per garantire la propria sopravvivenza. Allo stesso modo anche un meme è “interessato” solamente alla propria sopravvivenza. I cervelli sono contenitori e l’imitazione è il sistema di diffusione. In questo modo i memi sopravvivono, aldilà degli individui che li ospitano in un determinato momento temporale e si diffondono persino a discapito degli stessi geni che hanno permesso la nascita di questa nuova classe di replicatori.

Pensate ad esempio al meme del celibato. In un contesto religioso un simile meme ha un grande successo e la sua diffusione risulta rapida ed efficiente efficiente anche se ciò va a discapito dei geni che utilizzano la riproduzione come mezzo di replicazione e trasmissione.

In questa visione un po’ fatalista, però, Dawkins vede uno spiraglio che ci rende unici di fronte alla vita sulla Terra e si esplica nel mistero ancora irrisolto della nostra coscienza. Concludendo con le parole di Dawkins stesso:

“Abbiamo il potere di andare contro ai nostri geni egoisti e, se necessario, ai memi egoisti del nostro indottrinamento. […] Siamo cosruiti come macchine dei geni e coltivati come macchine dei memi, ma abbiamo il potere di ribellarci ai nostri creatori. Noi, unici sulla terra, possiamo ribellarci alla tirannia dei replicatori egoisti.”

[Se questo post vi è piaciuto e volete rimanere aggiornati non dimenticate di mettere “mi piace” sulla PAGINA FACEBOOK!]

News: il serpente che inganna l’evoluzione

Inserito il

Il fenomeno della speciazione è sostanzialmente il contrario dell’estinzione e si verifica nel momento in cui il percoso evolutivo di una specie si divide in rami differenti, ciascuno corrispondente ad una nuova specie.

I meccanismi che sottostanno al processo di speciazione sono numerosi e differenti ma in generale si tratta di un fenomeno che tende a progredire più rapidamente se due gruppi della stessa specie vengono completamente (o parzialmente) isolati tra di loro dando così vita a due popolazioni distinte che seguiranno destini evolutivi differenti. Un esempio pratico sono i celebri “fringuelli di Darwin” i quali, a partire da un progenitore comune, si sono evoluti in specie differenti distribuite e divise sulle diverse isole delle Galapagos. Le barriere fisiche (la distanza tra le isole) e la pressione evolutiva (le differenti fonti di cibo presenti su ciascuna isola) hanno contribuito ad accelerare il processo di speciazione favorendo lo sviluppo di nuove varianti di fringuelli, ciascuna adattata al proprio habitat di riferimento.

La speciazione adattativa dei fringuelli di Darwin

La bellezza della Scienza risiede anche nella sua indeterminatezza; nessuna teoria è una Verità assoluta e prima o poi salta sempre fuori il caso particolare che sembra andare contro ogni previsione.

Nell’immaginario collettivo il serpente è spesso associato al dubbio che si insinua, alla tentazione che fa vacillare le certezze e, in questa storia, è proprio un serpente a far traballare le nostre idee sull’evoluzione delle nuove specie.

I serpenti marini della sottofamiglia Hyfrophiinae, infatti, si dividono in circa 62 specie che vivono nell’oceano indiano con un elevato livello di simpatria (che non si riferisce a serpenti particolarmente simpatici, ma alla coabitazione di diverse specie nello stesso territorio geografico). Questo serpenti sviluppano rapidamente nuove specie nonostante condividano lo stesso spazio e perciò in assenza della spinta di una separazione fisica tra gruppi differenti, stravolgendo il concetto di speciazione così come l’ho descritto sopra.

Un serpente marino della sottofamiglia Hydrophiidae

Per risolvere questa apparente contraddizione un gruppo di ricerca internazionale ha analizzato quattro specie di questo particolare tipo di serpente. I risultati sono stati pubblicati recentemente su Molecular Ecology:

“Delle quattro specie studiate una è l’antenato comune delle altre tre, le quali si sono evolute molto rapidamente passando dall’avere una testa larga e una lunghezza del corpo di circa tre metri ad avere una testa piccola e una lunghezza complessiva di appena un metro.”

Nonostante le evidenti differenze morfologiche a livello genetico queste diverse specie di serpente sono in realtà molto simili. La somiglianza genetica tra le specie sarebbe la prova che la speciazione in questo caso è avvenuta nell’arco di un periodo relativamente breve.

I geni coinvolti sarebbero geni cosidetti regolatori, ovvero responsabili della gestione di altri geni. Un’alterazione di questi geni regolatori avrebbe quindi un effetto più ampio poichè eventuali conseguenze si ripercuoterebbero su tutto il gruppo di geni regolati.

Ma quale logica sottostà a questo particolare fenomeno di speciazione promiscua?

La spiegazione fornita dai ricercatori si basa sul concetto evolutivo “più cibo uguale più prole”. In sostanza, un serpente ben nutrito avrà più energie e risorse per produrre più uova.

La necessità di evolvere teste dalle forme differenti sarebbe quindi legata allo sviluppo di differenti strategie di caccia. I serpenti dalla testa più grande hanno una bocca più grande e di conseguenza possono introdurre quantità maggiori di cibo rispetto ai loro cugini dalla testa piccola. D’altro canto i serpenti dalla testa ridotta sono in grado di infilarsi negli stretti cunicoli delle tane delle anguille, raggiungendo così una fonte di cibo inaccessibile per i serpenti a testa larga. Sono due strategie diverse, ma entrambe evolute per ottenere più cibo possibile.

Insomma un modo per non pestarsi i piedi… pardon, le spire a vicenda.

(Per l’articolo originale a cui mi sono ispirato per questo post visitate la pagina di ScienceNordic)

[Se questo post vi è piaciuto e volete rimanere aggiornati non dimenticate di mettere un bel “mi piace” sulla PAGINA FACEBOOK!]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: